Comune di Bracciano

Patto dei Sindaci

Patto dei Sindaci

il Comune di Bracciano aderisce al Patto dei Sindaci

Il Comune di Bracciano, con deliberazione consiliare n.31 del 21 maggio 2010, ha aderito al "Covenant of Mayors" (Patto dei Sindaci), formalizzato a Bruxelles con la Direzione Generale Energia e Trasporti della Commissione Europea il 3 agosto 2010.
  
Il Patto dei Sindaci è un'iniziativa sottoscritta dalle città europee che si impegnano a superare gli obiettivi della politica energetica comunitaria in termini di riduzione delle emissioni di CO2 attraverso una migliore efficienza energetica e una produzione e un utilizzo più sostenibili dell'energia.
 
Il Patto dei Sindaci è un'iniziativa ambiziosa che impegna le città d'Europa nella lotta contro il cambiamento climatico. I firmatari del Patto si impegnano ad andare oltre gli obiettivi fissati dall'Europa per il clima e l'energia con la riduzione nei loro territori delle emissioni di CO2 entro il 2020 di almeno il 20%.

 

Testo del Patto dei Sindaci (pdf)
Delibera C.C. 31/2010 - Adesione al Patto dei Sindaci (pdf)
Linee guida SEAP (in inglese) (pdf)
Vedi le note informative (pdf)
Il Bilancio di energia e di CO2 del Comune di Bracciano (pdf)


 

Approvato dalla Commissione Europea "Il Piano di Azione" del comune di Bracciano

La Commissione Europea ha comunicato l'approvazione del Piano di azione per l'Energia Sostenibile del Comune di Bracciano.
Trasmesso alla Commissione europea per la valutazione il PAES è ora approvato e operativo, con l'obiettivo di riduzione delle emissioni di CO2, entro il 2020, del 26%.
Si tratta di un risultato particolarmente importante perché il PAES di Bracciano è stato il primo Piano presentato dai Comuni della provincia di Roma ed è, oggi, il primo a completare il processo di valutazione e approvazione da parte della Commissione Europea.

Bracciano entra a far parte, dei 1.100 Comuni europei che hanno il Piano di azione approvato.
--> Vai al sito

 
 

Il Piano di Azione per l'energia sostenibile

Il Piano di Azione per l'energia sostenibile (SEAP) è lo strumento riportante misure e politiche concrete da attuare per il raggiungimento degli obiettivi di riduzione prefissati, esso rappresenta un documento chiave volto a dimostrare in che modo l'amministrazione comunale intende raggiungere gli obiettivi di riduzione delle emissioni di anidride carbonica entro il 2020.

Delibera di Consiglio Comunale 64/2011 - Appovazione SEAP (pdf)

SEAP Bracciano (pdf-5.73 Mb)
 
 
 

Il ruolo dei Comuni

Le autorità locali rivestono un ruolo fondamentale nella lotta al cambiamento climatico. Più della metà delle emissioni di gas a effetto serra viene infatti rilasciata dalle città. Inoltre, l'80% della popolazione vive e lavora nei centri abitati, dove viene consumato fino all'80% dell'energia. Essendo il livello amministrativo più vicino ai cittadini, le autorità locali si trovano nella posizione ideale per comprenderne i timori e agire. Inoltre, esse possono affrontare le sfide nella loro globalità, agevolando la sinergia fra interessi pubblici e privati e l'integrazione dell'energia sostenibile negli obiettivi di sviluppo locali, ad esempio tramite le fonti energetiche alternative, un uso più efficiente dell'energia o modifiche nei comportamenti.
 
Le amministrazioni locali devono pertanto assumere un ruolo di punta nel processo di attuazione delle politiche in materia di energia sostenibile e ricevere sostegno in questo loro sforzo. Il Patto dei Sindaci è un'ambiziosa iniziativa della Commissione europea che permette alle città più all'avanguardia d'Europa di essere in primo piano nella lotta al cambiamento climatico tramite l'attuazione di politiche locali intelligenti in materia di energia sostenibile. Queste sono mirate a creare posti di lavoro stabili localmente, ad aumentare la qualità della vita dei cittadini e ad affrontare tematiche sociali fondamentali.
 
L'impegno formale sottoscritto dai firmatari del Patto è poi tradotto in misure e progetti concreti. Le città firmatarie accettano di preparare regolarmente delle relazioni e di essere sottoposte a controlli durante l'attuazione dei propri Piani d'azione e accettano l'esclusione dal Patto nel caso in cui non riescano a conformarsi alle sue disposizioni.
 
Le città si impegnano inoltre ad assegnare risorse umane sufficienti alle azioni previste, a incoraggiare le comunità nella propria zona a partecipare all'attuazione del Piano d'azione, a organizzare giornate locali per l'energia e a svolgere attività di networking con altre città.

I firmatari del Patto hanno lo scopo di ridurre le emissioni di CO2 di più del 20% entro il 2020 attraverso l'efficienza energetica e azioni di promozione dell'energia rinnovabile. Per raggiungere questo obiettivo si impegnano a:

 
  • Preparare un Inventario di Riferimento delle Emissioni (BEI) entro l'anno successivo a quello dell'adesione
  • Presentare un Piano d'Azione per l'Energia Sostenibile (SEAP), approvato dal consiglio comunale entro l'anno successivo a quello dell'adesione
  • Pubblicare regolarmente - ogni due anni dopo la presentazione dei loro SEAP - i resoconti dell'implementazione che indicano i progressi del piano d'azione e i risultati provvisori
  • Promuovere le proprie  attività e coinvolgere i propri  cittadini/stakeholder, anche attraverso  l'organizzazione regolare degli Energy Day locali
  • Distribuire il messaggio del Patto dei Sindaci, in particolare incoraggiando le altre autorità locali ad aderire e dando un contributo ai maggiori eventi e ai workshop tematici